Saggio breve per gentili seconde che diventeranno terze

Il rapporto col cibo.

Sathya Sai Baba: “Offrite il cibo a Dio prima di consumarlo. Allora esso sarà puro e potente. Qualunque azione compiuta per glorificazione di Dio é purificata e resa potente. Essa non può danneggiare chi la compie, o chi la riceve, né la società, poiché essa è satura dell’amore di Dio” (leader spirituale indiano contemporaneo)

U.Galimberti, “La Repubblica” 26-8-2001: “se un tempo mangiare nascondeva solo due incognite: trovare cibo e non diventare cibo per gli altri, oggi ne contiene di così imperscrutabili che la nostra identità rischia di naufragare di fronte ad ogni offerta di cibo.”

P.Bruckner, L’euforia perpetua 2001: “una morale da combattimento travolge la vita quotidiana e si lascia dietro tanti umiliati e vinti. Infatti, una ridefinizione dello status sociale non riguarda più soltanto la ricchezza e il potere, ma anche l’apparenza: non basta essere ricchi, bisogna anche avere l’aspetto di chi si sente in forma. E’ questa una nuova specie di discriminazione, non meno severa di quella del denaro. Sentirsi bene nella propri pelle e darlo a vedere a tutti: è questa l’etica che ci governa.”

“Il Sole 24 ore”, 19-1-2003: “La moda oggi è un cut up continuo di significati, immagini e suggestioni. Le atmosfere degli anni ’50 e ’60 tornano con i pantaloni striminziti, corti alla caviglia, i cappellini, foularini al collo, giacche senza revers: un genere approssimativo, modernamente stabile e volitivo.”

www.salus.it: “Nel 1988 sono stati, in Italia, circa 55.000 i casi di anoressia, mentre quelli di bulimia (una variante dell’anoressia) sono stati circa 70.000. Oggi l’anoressia colpisce circa lo 0,5 % dei giovani tra i 14 e i 20 anni (di cui il 90 % sono ragazze). L’inizio della malattia avviene, in genere, tra i 12 e i 18 anni. La bulimia invece può svilupparsi tra i 12 e i 35 anni (1-2% della popolazione giovanile). Benché la maggior parte delle adolescenti possa attraversare degli “episodi anoressici”, la malattia vera e propria colpisce ragazze che hanno un’età tra i 18 e i 25 anni. Maschi anoressici: 1 su 50.000 fra i 18 e i 28 anni. Maschi bulimici: 1 su 80.000 fra i 15 e i 24 anni. L’anoressia è conosciuta a livello scientifico da tre secoli: il primo trattato medico è stato pubblicato a Londra nel 1694. Tuttavia questa malattia è quasi sempre stata vissuta come forma di protesta nei confronti dell’ambiente sociale.”

Published in: on May 31, 2015 at 1:48 pm  Leave a Comment  

The URI to TrackBack this entry is: https://alumniterribiles.wordpress.com/2015/05/31/saggio-breve-per-gentili-seconde-che-diventeranno-terze/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: